Home » Terapie innovative » Iontoforesi. La nuova terapia per il cheratocono

Iontoforesi. La nuova terapia per il cheratocono

Iontoforesi. La nuova terapia per il cheratocono - Dr. Massimo Filippello

La Iontoforesi è una nuovissima tecnica che serve per facilitare l'assorbimento di farmaci all'interno dell'occhio. Attualmente questa tecnica è utilizzata per migliorare la terapia del cheratocono.

La nuova metodica, simile alla ionoforesi, utilizza deboli correnti continue per veicolare in modo efficace e rapido numerose molecole farmacologhe all'interno del bulbo oculare. Nel caso del cheratocono e dell'intervento di cross linking la iontoforesi permette di far penetrare la riboflavina (farmaco necessario per l'attivazione del processo di cross linking) all'interno della cornea in soli 5 minuti di applicazione. La quantità di riboflavina assorbita è nettamente maggiore a quella ottenibile con la tecnica di cross linking trans epiteliale e pari all'assorbimento ottenuto con la rimozione dell'epitelio corneale. I vantaggi della iontoforesi rispetto alle tecnica di rimozione dell'epitelio (chiamata epi off) sono:

  • Minor tempo di intervento
  • Maggiore sicurezza e diminuzione del rischio di infezioni corneali possibili con epi off
  • Enorme riduzione del dolore post operatorio
  • Recupero del visus in circa 2 giorni, a differenza della epi off che impiega 5 - 7 giorni.
  • Possibilità di effettuare l'intervento direttamente in studio e senza la necessità di sala operatoria
  •  

Indicazioni all'intervento di Iontoforesi e cross linking accelerato

 

  • Cheratocono dal II al IV stadio
  • Cheratoglobo
  • Degenerazione marginale pellucida
  • Sfiancamenti corneali secondari a traumi o ulcere corneali o post chirurgia refrattiva
  •