Home » Terapie innovative » Cross linking corneale transepiteliale accelerato nella terapia del cheratocono

Cross linking corneale transepiteliale accelerato nella terapia del cheratocono

Il cross linking corneale è in grado di fermare o rallentare l'evoluzione del cheratocono. La metodica transepiteliale accelerata semplifica l'intervento e permette un recupero rapisissimo e senza dolore. 

US Patent No: 2011/0152,219


 

Il cross linking è una terapia medico - chirurgica che nasce con lo scopo di rinforzare la cornea che, se affetta da cheratocono, lentamente ma insesorabilmente la indebolisce fino a richiedere il trapianto.  Una nuova metodica chiamata cross linking transepiteliale rende il trattamento semplice ed elimina il dolore e le complicanze della tecnica tradizionale con disepitelizzazione.

Le tecniche attuali si distinguono in:

Tecnica di cross linking con rimozione dell'epitelio (epi off)

Tecniche di cross linking con conservazione dell'epitelio (epi on)

Attualmente le tecniche epi on sono 2. La trans epiteliale e la iontoforsi. Nel primo caso (tecnica trans epiteliale) si sfrutta una riboflavina addizionata con sostenze in grado di superare la barriera epiteliale, nel secondo caso (iontoforesi) si utilizza una debole corrente continua per spingere il farmaco all'interno della cornea superando l'epitelio intatto. La iontoforesi permette in soli 5 minuti di ottenere una inbibizione ottimale della riboflavina nello stroma corneale. Dopo l'assorbimento della roblflavina il cross linking viene ottenuto irradiando la cornea con una sorgente di UV da 10 mw. per 9 minuti. L' utilizzo di iontoforesi e Uv a 10 mwatt è chiamato cross linking accelerato. 


 

 

Le differenze tra le due tecniche sono notevoli. Vai alla sezione Intervento di Cross linking corneale per saperne di più